ASSOCIAZIONE CASALESE ARTE E STORIA

HOME PAGE

L'ASSOCIAZIONE

NEWS

LE PUBBLICAZIONI DI ARTE E STORIA

MONFERRATOARTE

   

 

 

   ISSN 2038-5846

MONFERRATO ARTE E STORIA

INDICI 1987 - 2015 

N° 1   novembre 1987

N° 2   novembre 1988

N° 3   novembre 1989

N° 4   febbraio 1992

N° 5   settembre 1993

N° 6   ottobre 1994

N° 7   dicembre 1995

N° 8   dicembre 1996

N° 9   dicembre 1997

N° 10 dicembre 1998

 

 

N° 11 dicembre 1999

N° 12 dicembre 2000

N° 13 dicembre 2001

N° 14 dicembre 2002

N° 15 dicembre 2003

N° 16 dicembre 2004
N° 17 dicembre 2005
N° 18 dicembre 2006
N° 19 dicembre 2007

N° 20 dicembre 2008

 

N° 21 dicembre 2009
N° 22 dicembre 2010
N° 23 dicembre 2011

N° 24 dicembre 2012

N° 25 dicembre 2013

N° 26 dicembre 2014

N° 27 dicembre 2015

 

L'Associazione Casalese Arte e Storia ha collaborato col Comune di Pontestura per l'edizione del volume Pontestura e il suo castello nel Medioevo, Casale M.to 2014, pp. 96, ill.

Aldo A. Settia, Da Stura e Ponte a Pontestura: corti, villaggi, chiese e castelli "supra ripam Paudi" (secoli XII-XIII) (pp. 11-25); Enrico Lusso, Pontestura sede della corte paleologa nei secoli XIV e XV (27-55); Dino Cattaneo, La complicata storia dei due castelli del nostro paese (57-80); Stefania Merlo Perring, La demolizione del castello di Pontestura e la creazione della piazza Castello all'esordio dell'Unità d'Italia (1861) (81-91).

 

 

Dall’antico castello ai nuovi forti distaccati: città e architetture militari casalesi per il Risorgimento. Atti del convegno di studi storici, Casale Monferrato, Teatro Municipale, 21 maggio 2011, San Salvatore M.to 2011, pp. 88, ill. (in collaborazione con l’Assessorato per la Cultura della Città di Casale Monferrato e con l’Associazione culturale Il Cemento nell’identità del Monferrato Casalese).

Erico Lusso, Le trasformazioni del sistema difensivo casalese nel decennio di preparazione: il campo trincerato a forti distaccati (pp. 7-30); Chiara Devoti, Antonella Perin, Dalla città barocca alla città risorgimentale: Casale tra vecchia e nuova identità (31-58); Laura Guardamagna, I cementifici storici di Casale Monferrato (59-83).

 

Vincenzo Porta, Capitelli dell'architettura casalese. Dal Medioevo al Barocco, Casale M.to 1990, pp. 158, ill.

Presentazione analitica con puntuale riferimento fotografico dei capitelli casalesi, suddivisi per periodo storico: il Medioevo (pp. 19-42); il Rinascimento (43-112); il Barocco (113-144); Appendice con Neoclassico e Liberty (143-149); seguono Osservazioni generali, Conclusione, Glossario e Bibliografia (151-157).

 

Vincenzo Porta, Occhi dell'architettura. Porte, finestre, ferri battuti in Casale dal Medioevo al Novecento, Casale M.to 1992, pp. 190, ill.. Ristampa a cura della Città di Casale Monferrato, Assessorato per la Cultura, Villanova M.to 2004.

Cenni ai periodi che più hanno inciso sull’immagine planimetrica e architettonica della città e notizie d’archivio sugli artigiani casalesi del ferro nel ‘700 compaiono nella presentazione ai lettori (pp. 9-14). L’analisi, con precisi riferimenti fotografici, segue il criterio dell’ubicazione topografica delle opere, rispettando l’antica divisione cittadina in cantoni: Cantone Brignano (19-98); Cantone Montarone (99-130); Cantone Lago (131-146); Cantone Vaccaro (147-177); in Appendice (179-187) opere rimaste escluse dall’itinerario; conclude la Bibliografia (189).

 
Il Castello di Casale Monferrato. Atti del Convegno di studi, Casale Monferrato 1-2-3 Ottobre 1993, Villanova M.to 1995, pp. 224, ill.. Ristampa a cura della Città di Casale Monferrato, Assessorato per la Cultura, Villanova M.to, s.d. (ma 2001).

Aldo A. Settia, Proteggere e dominare. Castelli in città nell’Italia medievale (pp. 13-26); Antonino Angelino, Il castello di Casale alle origini e nel confronto tra comunità locale e principe (27-52); Enri Bo, Rapporti tra il castello di Casale e altre realtà fortificate del Monferrato (53-60); Giulio Ieni, Il castello di Casale: fortezza e residenza dei Paleologi (1464-1533) (61-87); Claudia Bonardi, Il castello degli ultimi Gonzaga in Casale Monferrato. La corte, gli artisti tra il 1587 e il 1627 (89-137); Antonella Perin, Il castello di Casale Monferrato sotto i Gonzaga Nevers (1652-1705). Note e alcuni disegni inediti (139-160); Andrea Milanese, Le strutture difensive del castello (161-183); Pier Luigi Muggiati, Dallo Stato al Comune. Piazza Castello torna ai Casalesi (185-199); Carlenrica Spantigati, Il patrimonio artistico e la sua dispersione (201-208); Flavio Conti, La necessità del recupero e le possibilità di utilizzo. Orientamenti e proposte (209-218); Marco Motta, Problematiche di tutela e prospettive d’intervento per la fortezza casalese (219-224).

 

La "Passio" di S. Evasio. Testo e studi, Casale M.to 2003, pp. 170, ill. (in collaborazione con la Diocesi di Casale Monferrato).

Riedizione degli studi fondamentali sulla Passio di S. Evasio: Angelo Coppo, Il culto a S. Evasio di Casale vescovo e martire nelle testimonianze più antiche (pp. 1-68); Guy Philippart, Saint Evasius de Casale «Évêque d’Asti» (69-79); Aldo A. Settia, Un presunto vescovo astigiano di epoca longobarda: S. Evasio di Casale (81-142); Aldo A. Settia, Agiografia e particolarismo nel secolo XI: Evasio di Casale ed Eusebio di Vercelli (143-151); l'edizione critica della "Passio" è inclusa nello studio di Coppo (38-46). Conclude una Appendice con esempi di iconografia evasiana (153-167).

 
Francesco Ottavio Magnocavalli (1707-1788). Architettura, letteratura e cultura europea nell’opera di un casalese. Atti del Congresso 11-12-13 Ottobre 2003, San Salvatore M.to 2005, pp. 408, ill. (in collaborazione con Associazione Idea Valcerrina, Città di Casale Monferrato, Città di Moncalvo).

Giulio Ieni, La fortuna critica di Francesco Ottavio Magnocavalli attraverso le fonti e gli studi (pp. 11-25); Andrea Merlotti, “Clarescunt sub sole novo”? Note sulla nobiltà casalese nello stato sabaudo del Settecento (27-47); Pier Luigi Muggiati, La famiglia Magnocavalli: storia e appartenenza alla classe dei nobili casalesi (49-62); Gian Paolo Romagnani, “Le gerarchie ed i suoi ordini”, Francesco Ottavio Magnocavalli e la coscienza nobiliare (63-77); Ugo Rozzo, La biblioteca di Francesco Ottavio Magnocavalli (79-101); Gabriele Angelini, Magnocavalli e l’antico (103-109); Laura Palmucci, Francesco Ottavio Magnocavalli e la collaborazione con Giovanni Battista Borra per i ripari del Po (111-117); Antonino Angelino, Magnocavalli e l’agronomia d’Oltralpe (119-139); Francesca Fedi, Francesco Ottavio Magnocavalli tragediografo (141-159); Paola Mildonian, Gentiluomini e traduttori nell’Europa del Settecento (161-180); Enrico Pesce, Ipotesi di influenze delle tragedie di Francesco Ottavio Magnocavalli sull’opera musicale coeva (181-195); Amilcare Barbero, Fare storia: da Giacomino Zanetti a Tommaso Audisio (197-205); Silvana Ghigonetto, Barocco “ticinese” a Casale Monferrato fra tradizione orale e storiografia: riflessioni sull’opera di Giacomo Zanetti, Domenico Donati, Bartolomeo Rusca e Carlo Antonio Rampone (207-216); Elena Rossato, Nuove notizie sull’attività di Tommaso Audisio (217-233); Antonella Perin, La formazione di un dilettante d’architettura. Francesco Ottavio Magnocavalli (235-252); Francesco Repishti, Modelli e fonti nell’opera di Francesco Ottavio Magnocavalli: i casi di Santa Croce e di San Germano (253-268); Chiara Devoti, Echi della lezione di Francesco Gallo in alcuni edifici religiosi di Francesco Ottavio Magnocavalli (269-291); Nicoletta Astuti, La chiesa di Santa Maria delle Grazie, oratorio della confraternita di san Michele in Moncalvo (293-310); Marco Marocco, La vicenda della parrocchiale di Vignale, un caso tipico di progettazione del conte Magnocavalli (311-322); Carla Solarino, Due edifici di difficile lettura: le parrocchiali di Varengo e di Odalengo Grande (323-343); Carlenrica Spantigati, Le arti figurative nei cantieri di Magnocavalli: San Domenico di Casale, un caso esemplare (345-363); Fausto Testa, “L’armonia delle parti nell’architettura è la principale cagione, da cui deriva la sua bellezza” (365-382); Maria Carla Visconti Cherasco, Aspetti di tutela e restauro sulle architetture di Ottavio Magnocavalli (383-388); Bernardino Croci Maspoli, Dal Malcantone a Casale Monferrato, Madrid, San Pietroburgo: da fenomeno migratorio a migrazione di mestiere (389-394); Germana Mazza, Casale Monferrato per Magnocavalli: prospettive (395-398); Flavio Conti, Il patrimonio architettonico di Francesco Ottavio Magnocavalli: una potenzialità turistica per il Monferrato (399-403).

 

 

Carlo Aletto, Chiese extraurbane della Diocesi di Casale Monferrato. Repertorio storico-bibliografico degli edifici di culto, San Salvatore M.to 2006, pp. 368 (in collaborazione con Città di Casale Monferrato, Parco naturale e area attrezzata del Sacro Monte di Crea).

Presentazione suddivisa per parrocchie disposte in ordine alfabetico (pp. 13-297); concludono Bibliografia (299-332); Indice analitico dei nomi di persona, con cenni biografici (333-358); Indice dei luoghi (359-363); Indice dei titoli e dei santi titolari (364-366).
Grazie al contributo dell'Ente "Parco naturale e area attrezzata del Sacro Monte di Crea", dal libro è derivata la banca dati MONFERRATOARTE consultabile on-line.

CONSULTA LA BANCA DATI MONFERRATOARTE

 

 

Giambattista Ratti, Trattato della seminazione de' campi, e della coltivazione de' prati (1764) – Alfonso Ratti, Nuova giunta (1766), a cura di Antonino Angelino, San Salvatore M.to 2007, pp. 240, ill. (in collaborazione con Ente Morale Vincenzo Luparia).

Riedizione di due testi agronomici esemplari della passione per le seminatrici meccaniche e dell’interesse per il rinnovamento dello strumentario agricolo diffusisi alla metà del Settecento. Precede uno studio introduttivo di inquadramento storico (pp. 9-79); conclude un apparato di note ai testi (205-238).

 

 

Quando venit marchio Grecus in terra Montisferrati”. L’avvento di Teodoro I Paleologo nel VII centenario (1306-2006), Atti del Convegno di Studi (Casale Monferrato, 14 ottobre 2006 - Moncalvo, Serralunga di Crea, 15 ottobre 2006), a cura di Aldo A. Settia, Casale Monferrato 2008, pp. 220 (in collaborazione con Associazione Idea Valcerrina, Città di Casale Monferrato, Città di Moncalvo, Parco naturale del Sacro Monte di Crea).

Aldo A. Settia, Premessa. Teodoro I: un “Greco” in Monferrato (pp. 11-14); Walter Haberstumpf, Teodoro I Paleologo e il Monferrato fra Oriente e Occidente (15-22); Riccardo Rao, La continuità aleramica: il governo del marchesato e i poteri locali durante la successione paleologa (1305-1310) (23-44); Romeo Pavoni, La successione del Monferrato e le fazioni genovesi (45-82); Enrico Lusso, La presa di possesso del territorio e i nuovi equilibri insediativi (83-102); Paolo Grillo, Il governo del marchesato (103-118); Gian Savino Pene Vidari, Teodoro I e il parlamento del Monferrato (119-128); Luca Patria, Teodoro Paleologo e gli ordini mendicanti nelle terre del marchesato (129-194); Fabio Bargigia, Gli aspetti militari della “riconquista” del marchesato: Teodoro I di Monferrato nel biennio 1306-1307 (195-210); Aldo A. Settia, Gli “Insegnamenti” di Teodoro I Paleologo e il re di Francia (211-220).

    

L'Associazione Casalese Arte e Storia ha collaborato con la Società per gli Studi Storici di Cuneo per l'edizione del volume della Società Storica Vercellese, L'abbazia di Lucedio e l'ordine cistercense nell'Italia occidentale nei secoli XII e XIII. Atti del Terzo Congresso Storico Vercellese (Vercelli, Salone Dugentesco, 24-26 ottobre 1997), Vercelli 1999, pp. 420, ill.