M O N F E R R A T O A R T E

ASSOCIAZIONE CASALESE ARTE E STORIA PARCO NATURALE E AREA ATTREZZATA
DEL SACRO MONTE DI CREA
MUSEO CIVICO DI CASALE MONFERRATO
Home
Indice dei luoghi
Indice dei nomi
di persona
Indice dei titoli e
dei santi titolari
Bibliografia
 
Avvertenze
Segnalazione Contributi

 

Scheda precedente
Scheda successiva
 
CELLA MONTE

CELLA MONTE

 

Dial. Sèla. Celle, 1116 [BSSS 42, III, doc. 1, p. 211]. Fino al sec. XIX il nome era Cella; nel 1863 è stato trasformato in Cella Monte [R. D. n. 1160, 1/2/1863].

Abitanti: 537. Distanza da Casale Km 12 ‑ Altezza: m 268 s. m. Provincia di Alessandria.

Parrocchia dei Ss. Quirico e Giulitta. Eretta prima del 1474, quando dalla diocesi di Vercelli passò alla nuova diocesi di Casale [De Bono 1986, p. 34]

Chiesa parrocchiale, Ss. Quirico e Giulitta: in piazza Vallino, al centro del paese. Nel 1584, quando parrocchiale era ancora la chiesa di S. Quirico nell'attuale zona Sardegna, il visitatore apostolico mons. Carlo Montiglio prese atto della necessità di una chiesa parrocchiale più centrale. Con decreti del vescovo Tullio del Carretto del 12/5/1597 e del 16/3/1605 vennero convogliati legati privati preesistenti nell’opera di costruzione della nuova chiesa. Ultimata nelle strutture essenziali intorno al 1610, fu consacrata il 18/4/1633 dal vescovo Scipione Agnelli e dedicata ai santi Quirico, Giulitta e Cecilia. La chiesa acquistò una particolare rilevanza negli anni di episcopato di mons. Pietro Secondo Radicati di Cella (1701-27) [AD 1991, p. 117]. Nel sec. XVIII Giovanni Luigi Capello dipinse per la chiesa un quadro rappresentante S. Carlo [Cappellaro 1989, pp. 44-45]. Casalis scriveva nel 1837: «l’adornano recenti pitture e bella facciata: i quali lavori si eseguirono sotto la direzione del signor don Audisio preposto di Villadeati, personaggio molto perito nell’architettura e nelle arti belle» [Casalis, vol. IV, 1837, p. 344]. Nel 1927 fu realizzata una nuova facciata dall’impresa del geom. Umberto Mombelli su disegno dell’ing. Vittorio Tornielli (1922), donatrici le sorelle Camilla e Maria Vallino in memoria del fratello ing. Mario. Restauri del 1969-70 hanno fatto riaffiorare nel presbiterio affreschi dell’epoca di costruzione della chiesa [Cappellaro 1989, pp. 45-46; AD 1991, p. 117] (restauratore Pietro Vignoli). Altri restauri nel 1989. Un elegante frammento decorativo in pietra da cantoni locale, verosimilmente altomedievale, scolpito su due facce con un irregolare intreccio di sottili nastri scavati al centro e un fregio a girali vegetali, è murato in via Dante Barbano nell’edificio del Municipio, di fronte alla chiesa. Su conci di arenaria della stessa parete si intravedono graffiti risalenti al sec. XVII. In un cortile presso la chiesa sono state ritrovate nel 2000 parti di una monofora romanica in pietra da cantoni a più riseghe con arco monolitico (sec. XII), a testimonianza della possibile preesistenza presso lo stesso sito di un edificio sacro medievale (non segnalato nelle decime della diocesi di Vercelli forse perchè cappella pertinente al castello).

Facciata in mattoni a vista divisa da quattro lesene composite sorreggenti un’ampia trabeazione, sopra cui è ricavata una finta balconata con timpano centrale. Il portale è limitato da due colonne con capitelli dorici, coronato da un timpano triangolare aggettante; ai lati ci sono due nicchie vuote. Pareti laterali con muratura irregolare in pietra da cantoni e mattoni. Un robusto campanile intonacato si eleva posteriormente sul lato sinistro. Interno a tre navate con tre pilastri per parte sorreggenti la centrale volta a botte; presbiterio voltato a vela, abside semicilindrica. Sulla volta sono dipinti tre riquadri (Simboli della Passione con la Santa Veronica, Assunzione di Maria e Esaltazione della Croce) e sei tondi dal fondo in finto mosaico con Apostoli, del sec. XIX; sulle pareti laterali vi sono altri tre riquadri con dipinti murali ottocenteschi incorniciati (Adorazione dei pastori, Predicazione del Battista, Maddalena che asciuga coi capelli i piedi di Cristo), ascrivibili a Pietro Ivaldi. L’altar maggiore, in marmi policromi, come la balaustra datato 1744 e attribuibile ai Pellagatta, proviene probabilmente dalla chiesa di S. Croce di Casale; fu acquistato dalla marchesa Garessio Radicati e benedetto in data 1/11/1803. Al di sopra del tabernacolo sono posti un grande Crocifisso processionale ligneo dorato (sec. XVIII) e una statuetta di S. Quirico (sec. XIX) [Grignolio 1993, pp. 25-27, Cappellaro 1989, p. 45; AD 1991, p. 117; Di Majo 2010, p. 449]. Al centro del coro è collocata una pala rappresentante il Martirio di S. Quirico, del pittore Martinengo (secondo decennio del sec. XIX) [1].

Le cappelle in capo alle due navate laterali, dedicate a S. Carlo Borromeo e a S. Antonio da Padova, hanno altari seicenteschi di stucco marmorizzato con interessanti pale: rispettivamente a destra il Crocifisso venerato da S. Francesco e altro santo francescano, di Giorgio Alberini [Romano 1971a, p. 59] e a sinistra la tardo-cinquecentesca Madonna del Rosario, di Ambrogio Oliva [Aletto 2006, p. 67; Chiodo 2008, p. 88]. Altre opere di pregio sono una statua lignea della Madonna del Rosario col Bambino (sec. XVII), il pulpito pure seicentesco, il fonte battesimale lapideo (sec. XVI), due acquasantiere marmoree, tre confessionali sistemati nello spessore delle pareti laterali con decorazioni a volute e girali in foglia d’oro, simili a quelle presenti nella bussola lignea e nella tribuna dell’organo (quest'ultima a sua volta ornata con simboli musicali dorati) e forse riconducibili al progetto di Tommaso Audisio. L’organo fu fabbricato nel 1867 da Pietro Barchietti [AD 1991, p. 117] e restaurato dopo il 1894. Banchi rinnovati nel 1879 [Cappellaro 1989, p. 45].

La sacrestia ha un’ampia volta a padiglione decorata con un elaborato e scenografico dipinto murale del sec. XIX, firmato da Pietro Ivaldi. Si è conservato un armadio del sec. XVIII e paramenti pure settecenteschi [AD 1991, p. 117].

S. Quirico: situata su un piccolo poggio raggiungibile mediante una scalinata, in zona Sardegna, dove si trovava il primitivo nucleo di Cella. La prima attestazione della chiesa, senza titolo, negli estimi della pieve di Rosignano, risale al 1299; il titolo compare nel 1348 [ARMO, pp. 37, 110]. Ex parrocchiale (era tale ancora nel 1584, quando ne venne chiesta la ricostruzione dal visitatore apostolico Carlo Montiglio). Tra il 1584 e il 1619 la prima chiesa fu probabilmente sostituita da un oratorio di minori dimensioni. Nel 1619 vi era un altare laterale dedicato a S. Caterina con quadro della santa. Nel 1723 come icona c’erano immagini di santi dipinti sulla parete. Nel 1766 la pala d’altare rappresentava i Ss. Giulitta e Quirico. Nel 1834 un rustico era unito alla parete settentrionale della chiesa. Nel 1873, oltre al quadro dei Ss. Giulitta e Quirico, c’erano altri quattro quadri antichi [Cappellaro 1989, pp. 42-43]. Nella prima metà del sec. XIX Casalis scriveva «vi si benedicono i bambini lattimosi» (cioè affetti da crosta lattea) [Casalis, vol. IV, 1837, p. 344]. Dopo restauri effettuati negli anni '80 del Novecento è in buone condizioni. Il 16 luglio (o nella domenica prossima) si effettua una processione con la statuetta di S. Quirico, che viene riportata nella parrocchiale. Nella notte tra il 14 e il 15/7/2007 è stato rubato il piccolo trono della statua di S. Quirico, realizzato negli anni '30 del Novecento, in sostituzione dell'originale neoclassico.

Aula rettangolare con abside semicircolare, pareti in mattoni e pietra da cantoni; nell’abside, una variazione della tessitura muraria a livello del terzo superiore, depone per un intervento di sopraelevazione della parete. Facciata rivolta a ovest, intonacata, divisa da quattro lesene; sulla trabeazione s’innalza ben al di sopra del tetto un elegante fastigio barocco dal profilo curvilineo. Esile campanile a sezione quadrata, intonacato, appoggiato alla porzione posteriore della parete destra, con cuspide conica contornata da quattro basse piramidi a base quadrata. Nella parete sinistra si apre un’ampia arcata (chiusa negli anni '80 da una vetrata), attraverso cui ancora agli inizi del sec. XX era collegato alla chiesa un edificio rustico, poi abbattuto. Nell’abside vi sono tre piccole monofore strombate; quella centrale ha un arco monolitico in pietra da cantoni.

Madonna di Loreto: in via Circonvallazione. Citata nel 1547, restaurata nel 1728, diroccata e sospesa nel 1873, riaperta il 10/12/1902 [Cappellaro 1
989, pp. 48-49].

Piccola aula rettangolare con abside semicircolare; paramento in mattoni. In facciata sopra la porta d’ingresso, vi sono un oculo e un timpano arcuato. Campaniletto a sezione triangolare.

S. Rocco: in via Boccea. Citata nel 1584. Nel 1730 all’altare c’era un quadro coi Ss. Rocco e Sebastiano; nel 1766 questo quadro era sostituito da un altro coi Ss. Grato, Rocco e Bovo, mentre alle pareti vi erano due tavole antiche con S. Rocco e S. Sebastiano. Si fecero restauri nel 1924 e negli anni ottanta del sec. XX (iniziativa di Francesca Bergante) [Cappellaro 1989, p. 47].

L’ingresso è preceduto da alcuni gradini. Ai lati della porta si aprono due finestre rettangolari, al di sopra una finestra semilunare e due nicchie vuote; timpano triangolare. Aula unica voltata a botte. Si conserva una tela raffigurante S. Rocco.

S. Antonio Abate: in piazza Vallino, presso la parrocchiale. Oratorio già della confraternita dei Disciplinanti, citato nel 1577, ricostruito su diverso sedime dopo il 1720 (nel 1723 non era ancora completato). Nel 1748 vi era, entro una nicchia, una statua dell’Addolorata. Si realizzarono radicali restauri prima del 1889. Nel 1918 la chiesa fu affidata al parroco per mancanza di confratelli. Restauro negli anni settanta del sec. XX e destinazione ad auditorium [Cappellaro 1989, pp. 45-47].

L’ingresso è preceduto da una breve scalinata; la parete laterale sinistra poggia sulla roccia calcarea. Facciata intonacata, limitata da due lesene angolari sorreggenti trabeazione e timpano. Semplice portale in stile rinascimentale, sopra cui si apre una piccola finestra cuoriforme. Vi sono custodite alcune tele tra cui S. Quirico e Giulitta del sec. XVII (proveniente dalla chiesa di S. Quirico?), Madonna del Rosario, Martirio di S. Eurosia (al centro dell'abside), Martirio di un santo francescano, Immacolata, Gesù Crocifisso.

S. Bernardino: nelle vicinanze della borgata Monti (dial. i Munt), di proprietà privata. Citata nel 1547; ricostruita dopo il 1905 [Cappellaro 1989, p. 49].

Piccolo edificio ad aula rettangolare; facciata in mattoni a vista, con lesene angolari, semplice portale lievemente arcuato e due finestre con arco a tutto sesto ai lati; timpano triangolare. Distacchi d’intonaco sulle pareti laterali lasciano in evidenza la struttura sottostante a corsi di pietra da cantoni alternati ad una fascia di mattoni. Campaniletto a vela collocato sulla porzione posteriore della parete laterale sinistra.

S. Giuseppe: in frazione Coppi (dial. Casìn-i di Cup). Costruita nel 1928, su disegno dell’arch. Debernardi [AD 1969, p. 43]. Fu inaugurata dal vescovo Albino Pella il 28/10/1933 e restaurata nel 1991. Una primitiva chiesa di S. Pietro nella frazione Coppi era citata nel 1566; venne demolita nel 1577 per ricavare materiale da utilizzare per la nuova parrocchiale; ricostruita nel 1699 col titolo di S. Pietro in Vincoli; ancora demolita nella seconda metà del sec. XVIII [Cappellaro 1989, pp. 50-51].

Pareti intonacate. La facciata neoclassica è preceduta da alcuni gradini. Su uno zoccolo si appoggiano a ciascun lato una coppia di robuste colonne doriche che sostengono la trabeazione e il timpano aggettante. Pianta a croce latina. Il campanile si eleva posteriormente a sinistra.

S. Anna: cappella in frazione Coppi, sul colle Belvedere. Citata all'inizio del sec. XVIII; ricostruita nel 1748 [Saletta 1711, vol. I, parte II, c. 297r; Cappellaro 1989, pp. 47-48]. Subì vari restauri (ultimi nel 1904, negli anni quaranta e nel 2010).

Piccolo edificio, suggestivo anche per la posizione sul crinale con ampia vista panoramica. Aula rettangolare con abside semicircolare e portico antistante rivolto a levante costituito da tre arcate disposte ad angolo retto, con timpano anteriore, in cui è stato collocato (2013) un dipinto di Gianni Colonna raffigurante S. Anna che sorregge il corpo di Cristo. La struttura delle pareti è in conci di pietra da cantoni nell’aula e nell’abside mentre il portico è stato reintonacato nel corso dell'ultimo restauro. Sopra la semplice porta d'ingresso si vedono resti di una pittura murale. All'interno, spoglio, è presente un modesto altare in muratura.

Madonna della Pace: alla Perona (dial. la Prun-a). Costruita nel 1724, committente l’ex segretario del Senato Giovanni Stefano Perrone dei condomini di Cella. Celebrata per la sua bellezza. Vi era una tela raffigurante la Vergine Maria coi Ss. Giovanni Evangelista e Stefano, tutelari del fondatore. Ora esiste solo un’edicola, nella quale è stata riposta nel 1923 la tela, che mantiene solo flebili tracce di una Madonna col Bambino. In una cascina attigua si conserva una campanella (forse quella descritta nella visita pastorale del 1730) [Cappellaro 1989, p. 50, foto 15-16].


1 Notizia di Michele Castelli, tratta dall'archivio parrocchiale di Cella Monte, fasc. 221 (2019).